Fids

FIDS: Inutilizzabilità del materiale probatorio per violazione del diritto alla riservatezza

A seguito della decisione adottata dal Tribunale Federale con la quale ad un tesserato FIDS è stata applicata la sanzione della sospensione per 6 mesi, quest’ultimo ha impugnato il provvedimento avanti la Corte Federale d’Appello richiedendo il proscioglimento per aver il primo grado deciso in assenza di prove e dopo aver svolto un’indagine basata su documenti acquisiti illegittimamente. Il Collegio seppur condividendo le argomentazioni del Tribunale Federale con le quali ha dichiarato inutilizzabile il materiale probatorio su cui si è basata l’intera azione disciplinare ha prosciolto il tesserato ritenendo di non poter condividere l’applicazione della sanzione operata dal Tribunale, rilevando che il materiale probatorio utilizzato per fondare la responsabilità del tesserato consiste in una corrispondenza privata acquisita senza il consenso del titolare e in violazione del diritto alla riservatezza della corrispondenza. (Cardi/FIDS)

Leggi il comunicato completo cliccando qui